L’infallibilità non è per me

Volevo scrivere un post sull’educazione musicale per i neonati, poi uno sulle castagnole anche se ormai Carnevale è finito, poi uno sui miei libri preferiti, ma l’unica cosa che ho in mente in questi giorni è che vorrei vivere a 5 metri da mia mamma.

Non so perché, ma sto attraversando un periodo di stanchezza, fisica e mentale e la lontanzanza dalla mia famiglia, si fa sentire con tutto il suo peso, come un blocco di marmo di Carrara. Intendiamoci, di solito il tempo in cui io e mia mamma riusciamo a non litigare varia dai 10 ai 15 secondi, ma è lo stesso, per noi discutere è confrontarci, noi non parliamo, urliamo, ma è bello così. Con la santa pazienda di mio babbo, che ci sopporta da una vita e che piano piano ha imparato a gestire i nostri caratteri.
Finora sono sempre stata impegnata a capire come si fa a fare la mamma, la moglie, la casalinga in una casa che deve essere sempre pulita, la lavoratrice puntuale, insomma, non mi sono fermata un attimo, mentalmente parlando.
E invece, ora che ho capito che la moglie la so fare così così ma mi impegno, la mamma non lo so, come casalinga faccio schifo, il bimbo ha preso una buona piega all’asilo, mi ritrovo a pensare..E pensa oggi pensa domani..mi sono accorta che forse mi farebbe piacere la domenica uscire anch’io per andare a pranzo da mamma, mi piacerebbe andare a fare la spesa con lei, farle vedere ogni giorno i progressi del bimbo.mamma-ammalata

Mi sono sempre sentita emancipata, vivo lontano da casa da tantissimi anni ormai, ma da quando sono mamma sono diventata ancora più mammona. E’ normale? E’ solo stanchezza?

 

Annunci

Crostatine di farina integrale con marmellata

Ben lontano da essere un food blog, anche perché la rete ne è piena e ce ne sono di favolosi, vorrei comunque darvi una ricettina che ho sperimentato questa mattina per fare delle crostatine con la martellata.
Ne avevo fatta una con la ricetta di un’amica, ma non era venuta esattamente come la volevo io, era un po’ troppo umida, allora ho rovistato nella rete e ho unito e personalizzato quello che ho trovato. Ci tengo a sottolineare che la personalizzazione è dovuta al fatto che in dispensa mancasse qualcosa e non di certo alla mia abilità o estro!
La particolarità della ricetta sta nell’utilizzo di poco burro (ne avevo solo 8 gr) e in una parte di farina integrale.

Ecco gli ingredienti:
200 gr di farina 00
50 gr di farina integrale
90 gr di zucchero
1 uovo
80 gr di burro
Mezza bustina di lievito
Scorza di limone

In una terrina si mescola burro a pezzetti, uovo e zucchero, poi si mette il tutto su una spianatoia e si aggiunge la farina. Dopo aver impastato il tutto molto velocemente si forma una pallina e si lascia in frigo per un’ora.
Quando sarà trascorso il tempo di attesa si stende la pasta con un mattarello e si formano le crostatine aiutandosi con gli stampi. Non lasciatevi demoralizzare dal fatto che la pasta sia difficile da amalgamare, dato il poco burro e la farina integrale è normale, ci vuole pazienza e delicatezza.
Non lavorate troppo a lungo la pasta altrimenti si rovina.
Riempire le crostatine con marmellata (o crema di cacao) e decorare a piacimento. Io ho fatto delle stelline perché le classiche strisce non mi sono riuscite bene dato che la pasta è molto friabile.
Insomma, pensavo di aver fatto un pastrocchio, e invece..sono buonissime!!

image