Alimentazione, ovvero come ho perso ore e ore di sonno

Ho avuto la fortuna di allattare il mio cucciolo, quindi per 6 mesi non mi sono affatto preoccupata della sua alimentazione: orologio alla mano e ogni 3 ore circa puntualmente partiva la sirena della fame, tempo 30 secondi, lo attaccavo al seno ed era fatta.
Al compimento del sesto mese la pediatra mi ha consegnato un bel fogliettino con tutte le cose che potevo dargli da mangiare.
La prima pappa è stata letteralmente un disastro, troppo liquida, troppo calda, troppo diversa dalla tetta a cui era abituato; il risultato è stato che ha pianto tutto il tempo, non ha mangiato niente e gli ho dovuto dare il seno per sfamarlo.
Il giorno dopo ho montato il mio cuocipappa della Nuvita e ho fatto a modo mio, tenendo sempre un occhio sulle indicazioni della pediatra, ma senza seguirle come se fossero una legge divina.
Quindi brodo, verdure, farine successivamente ho sostituito con la pastina, olio e parmigiano.

Piano piano ho imparato le dosi, ho iniziato a capire la consistenza giusta per Elia e ora il momento della pappa è uno dei più divertenti della giornata.
Io non sono vegetariana, vegana o fruttariana, mangio tutto e voglio che mio figlio faccia lo stesso, ecco perché durante l’allattamento ho cercato di abituarlo a un sacco di sapori, non mi sono provata di niente, neanche di una puntina di curry ogni tanto. Ho deciso di non dare omogeneizzati e sono felicissima della mia scelta, metto verdure fresche, carni di tutti i tipi tranne manzo e maiale ovviamente, pesce fresco. E’ uno sbattimento, però lo faccio con piacere.
Vi consiglio anche la lettura di 100 pappe e piattini golosi, che mi sta aiutando ad allenare la fantasia e a prepare merende buonissime (che ogni tanto mangio anche io).
L’unica cosa che gli do in vasetto è la frutta, perché non riesco sempre a trovarla matura come vorrei e mi trovo molto bene con i prodotti Alce Nero e Crescendo Coop.
Devo ammettere che Elia mangia letteralmente tutto, sono riuscita anche a mettere un po’ di porro nella pappa un paio di volte, quindi è piuttosto facile con lui, ma la cosa per cui impazzisce e non capisce più niente è la frutta!

Quindi non fatevi prendere dal panico se i primi esperimenti di pappe vanno falliti, bisogna perderci un po’ di tempo, armarsi di un sorriso grande grande, e se va davvero male, a dispetto di quello che diranno i nonni, una bella dose di Masha e Orso, risolve tutti i problemi!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...