I can’t get no satisfaction. La frustrazione

Il bambino deve imparare gradualmente a non avere una immediata gratificazione dei desideri. Inoltre non bisogna sentirsi in colpa se qualche volta si deve far attendere il proprio bambino, magari perché si sta parlando al telefono o in presenza di altre persone: l’attesa aiuta a rafforzare la crescita psicologica del bambino. Per aiutarlo a sopportare la frustrazione in alcune situazioni può essere utile abituarlo a variare l’oggetto desiderato o il momento in cui ottenerlo.

Tratto da “La grande enciclopedia del bambino”, Sfera Editore

Anche se in questo periodo, fra lavoro, bimbo, spese continue e poco tempo per me, posso sembrario io quella frustrata, quella a cui mi riferisco nel titolo è una nuova sensazione che sta provando il mio piccolo!
Sta entrando nella sua fase motoria e sta sperimentando i primi movimenti, ma dato che è un bambino abbastanza grosso, parliamo di 11 kg a 9 mesi, diciamo che non ha quella leggiadria tipica dei suoi coetanei..Ha imparato una settimana fa a girarsi come una cotoletta sulla griglia, prova a muoversi, prova a raggiungere i suoi giochi, ma se non sono a portata di mano, inizia a piangere come un matto. Mi aspetto che prima o poi passi qualche vicina a chiedermi se ho bisogno di aiuto!

Continua a leggere

Annunci

Prodotti preferiti per i primi 9 mesi

Ora che Elia ha 9 mesi è il momento di fare un piccolo riassunto dei prodotti che mi sono piaciuti veramente e di quelli che non ricomprerei, nella speranza che possa essere utile a qualcuna.
Di sicuro, la prima cosa che consiglio, è di non correre a compare completini, vestitini e altro prima che nasca il bambino, io ho delle cose che non sono riuscita a mettergli perché gli stavano piccole prima ancora che nascesse!

Continua a leggere

Alert ricettina: passatina di ceci e pomodoro

I legumi sono un alimento amato e odiato. Cioè, fanno benissimo, ma non bisogna esagerare e soprattutto non c’è un pediatra che li faccia introdurre nello stesso periodo. Se conoscete 10 pediatri, probabilmente vi diranno di introdurli in 10 momenti diversi. Quindi io ho seguito la mia e li ho introdotti a 9 mesi, che forse è un po’ tardi rispetto alla media, ma non mi interessa.

Vi consiglio ovviamente di inizare con una piccola quantità e di aumentarla piano piano, io li do due volte a settimana al posto di carne e formaggio (meglio non metterli insieme) e di accompagnarli ai carboidrati, perché fanno sì che vengano assimilate tutte le proprietà positive dei legumi. Mai usare quelli in scatola (NEIN, NEIN, NEIN!), quindi bisogna metterli in ammollo la sera prima, per un lasso di tempo che varia in base al tipo di legume scelto, proprio come faceva la nostra mamma. Ah, una cosa che io non sapevo, ammettendo la mia ignoranza, è che i pisellini sono legumi. Mi devo ancora riprendere dallo shock di questa notizia..

Ecco quindi una ricettina molto buona per introdurre i legumi, ricettina già provata dal mio cucciolo che ha spazzato tutto in un tempo netto di 14 secondi con piantino finale quando si è reso conto che la pappa era finita. Continua a leggere

Starting Solids: 4 Months, 6 Months, or Somewhere In Between?

Vi segnalo questo articolo su quale sia il momento miliore per iniziare lo svezzamento, dato che è un tema controverso e che forse non ha una risposta unica. Io ho fatto di tutto per aspettare i 6 mesi e credo che questa sia la scelta che tutte dovrebbero fare. Senza farsi prendere dalla foga di inziare qualcosa di nuovo, introducendo piano piano nuovi cibi e nuove consistenze. Perchévin questo percorso di maternità, ricordiamocelo, la pazienza sarà la nostra migliore amica.

The Science of Mom

Science of Mom reader Roxanne left a comment on my post about the recent peanut allergy study. She wondered about starting solid foods with her 4-month-old baby boy:

“Do you have an opinion on starting solids at 4 months versus 6 months? I noticed that many of the studies on allergy include babies in the 4-6 month range, but I think that the current recommendation is to wait until 6 months. I ask because my baby WILL NOT drink out of a bottle while I’m at work. He is miserable all day. I’m only gone 8-3 including travel time, so if he could just get a little something at 11am, I think he might actually nap and not cry all day. We have tried everything. If you know of any studies please let me know. He is 18 weeks old.”

I totally understand Roxanne’s confusion, because there’s lots of…

View original post 3.425 altre parole

Alimentazione, ovvero come ho perso ore e ore di sonno

Ho avuto la fortuna di allattare il mio cucciolo, quindi per 6 mesi non mi sono affatto preoccupata della sua alimentazione: orologio alla mano e ogni 3 ore circa puntualmente partiva la sirena della fame, tempo 30 secondi, lo attaccavo al seno ed era fatta.
Al compimento del sesto mese la pediatra mi ha consegnato un bel fogliettino con tutte le cose che potevo dargli da mangiare.
La prima pappa è stata letteralmente un disastro, troppo liquida, troppo calda, troppo diversa dalla tetta a cui era abituato; il risultato è stato che ha pianto tutto il tempo, non ha mangiato niente e gli ho dovuto dare il seno per sfamarlo.
Il giorno dopo ho montato il mio cuocipappa della Nuvita e ho fatto a modo mio, tenendo sempre un occhio sulle indicazioni della pediatra, ma senza seguirle come se fossero una legge divina.
Quindi brodo, verdure, farine successivamente ho sostituito con la pastina, olio e parmigiano. Continua a leggere

E quindi alla fine mi sono decisa..

Alla fine mi sono decisa ad aprire questo blog, che forse sarà un blog dell’ennesima mamma che molti riterranno inutile, ma sarà anche un posto dove tenere un diario di questa mia grande avventura.

Devo ammettere che sto iniziando a scrivere ora che il mio cucciolo ha già 9 mesi, ma fino a questo momento non ho avuto molto tempo..Ho deciso finalmente che questo blog saranno i miei 5 minuti al giorno da dedicare a me stessa e spero anche che possa essere d’aiuto a qualche neo mamma che si trova ad affrontare le prime difficoltà con un cucciolo di uomo appena nato, così come è successo a me, con mamma e suocera lontane.
Probabilmente se non ci fosse stato internet non sarei riuscita nemmeno a fare una pappa decente e ho trovato tanto conforto e molti consigli sulla rete, dispensati da chi ci è passata prima di me.

Quindi nei prossimi giorni andremo giù di pappe, bagnetti, prodotti preferiti, prodotti da non comprare e fufferie varie..

Piccola nota di servizio: sono mamma di un maschietto, 9 mesi, 11 Kg, 4 denti e la forza di un trattore con il rimorchio.